skip to content

De iure publico

 

Si preferisce citare, nel profluvio di scritti giuridici di Weiss, il Commento al Nuovo Codice della Circolazione Stradale del 1959, scritto in collaborazione con Giuseppe Berliri e edito dalla casa editrice Santini. Quest'opera di gioventù, favorita dall'esperienza di Weiss quale segretario della Commissione Interministeriale per la compilazione di detto codice, affrontò l'interpretazione delle norme non solo per quelle che riguardavano il Codice della circolazione stradale, ma anche per quelle sugli accordi internazionali, sul trasporto di cose su strada, sul regime fiscale e sulle sanzioni in materia. Un'opera complessa, di oltre mille pagine, uscita a soli due mesi dalla pubblicazione del Codice nella Gazzetta Ufficiale.

La stessa casa editrice ha pubblicato sulla sua rivista "La Funzione Amministrativa" (supplemento 6, 1959) un ampio estratto dell'opera.