skip to content

Premio Internazionale di Cultura Città di Anghiari - I Edizione

28 aprile 1979 - 6 maggio 1979

"PAGINE DI POESIA DEDICATE A MARC CHAGALL"

 

Il fluido poetico che pervade le opere di Chagall ha origini nel suo indiscusso talento poetico pittorico, ma esso si è nutrito anche del continuo contatto che il pittore ha avuto nel corso della sua vita con i più noti componenti (soprattutto i poeti) dell'avanguardia letteraria francese.
sono noti infatti i legami di amicizia che unirono Marc Chagall a Cendrars, Apollinaire, Jacob ed altri noti poeti nei primi anni del suo soggiorno parigino alla vigilia della prima guerra mondiale. Ed è indubbio che questi rapporti di amichevole intesa con l'mbiente letterario del tempo abbiano contribuito ad arricchire i moduli espressivi del pittore, donando ad essi un timbro più vivace e moderno.
Questa partecipazione di Chagall agli ambienti letterari non si è peraltro limitata allo scapigliato periodo de La Ruche, poichè il nostro ha sempre amato intesere, anche in seguito, con poeti e scrittori una vera comunanza spirituale, a ciò spinto soprattutto dalla sua natura profondamente lirica e dalla sua viva passione per la poesia.
Un elenco dei poeti che Chagall ha frequentato nel corso degli anni sarebbe molto lunga, ma noi vogliamo ugualmente menzionare alcuni di questi nomi, ritenendo che, anche dal punt di vista storiografico, ciò possa avere un qualche rilievo.
Dopo Cendrars, Apollinaire e Jacob che abbiamo or ora ricordati possono essere citati Canudo, Rubiner, Salmon e Mazin nel periodo de La Ruche; Pustinin, Majakovski, Esenin e Pasternak durante la Rivoluzione Sovietica; Supervielle, Michaux, Eluard, Schwob, Yvan e Claire Goll, Fles, Raissa Maritain, Paul Fierens, Alberti e Aragon nel periodo successivo.
Molti di questi poeti vicini a Chagall hanno voluto testimoniare nei loro versi le segrete connessioni ed intime motivazioni dell'opera del pittore nel suo mitico evolversi. Ma anche numerosi altri poeti, pur non essendo stati personalmente partecipi della vita di Chagall hanno sentito l'esigenza di celebrare liricamente la sua inarrivabile arte.
La nostra raccolta di tali testimonianze - che è il risultato, con le ovvie possibili lacune, di una lunga e faticosa ricerca attraverso l'universo letterario - può avere, noi riteniamo, un valore non solo strettamente poetico, ma anche di documentazione delle sotterranee rispondenze tra la pittura di Chagall e la Poesia.
Il fulcro del nostro lavoro consiste evidentemente nella trascrizione delle liriche dedicate a Chagall che siamo riusciti a rintracciare e nelle relative schede critiche e bibliografiche; ma in questa sede progettuale dobbiamo limitarci, per esigenze di spazio, ad indicare qui di seguito i soli noti degli autori ed i titoli delle poesie.

Autori e titoli delle poesie raccolte

1) Guillaume Apollinaire - Rotsoge (Au peintre Chagall)
2) Guillaume Apollinaire - A travers l'Europe
3) Guillaume Paollinaire - Zone
4) Louis Aragon - Triomphe de Chagall
5) Louis Aragon - L'Apocalypse selon Marc
6) Louis Aragon - Colui qui dit les choses sans rien dire
7) Rafael Alberti - Paris - Chagall
8) Jacques Audiberti - Marc Chagall
9) Raffaele Carrieri - Marc Chagall
10) Blaise Cendrars - Portrait
11) Blaise Cendrars - Atelier
12) Paul Eduard - Marc Chagall
13) Paul Eduard - A Marc Chagall
14) Paul Fierens - Visite à Chagall
15) Raissa Maritain - Chagall
16) Pustinin - Ode in occasione dell'ionaugurazione dell'Accademia di Vitebsk
17) André Salmon - Parabole des Comediens en Vojage
18) Kurt Schwitters - A un disegno di Marc Chagall
19) Maria Luisa Spaziani - Marc Chagall
20) Jean Wahl - L'ecriture est gravure

 

 


Con questo saggio Giorgio Weiss ha vinto il Premio Anghiari 1979 nella Sezione "Idea" che prevedeva il progetto di uno studio storico, politico o di critica letteraria o d'arte. La giuria era composta da Giampaolo Pansa, Ugo Intini, Giorgio Cingoli, Carlo Fuscagni, Massimo Fini, Paolo Mosca e Giuliano Zincone.

 

 

 

Torna alla pagina dei Premi